Contenuto principale

 

 

 

 

 

 

 

Cari lettori,

 

eccoci a voi con una nuova rubrica “Il respiro dell’anima”.

 

Vogliamo offrirvi l’opportunità di rinfrancare lo spirito con le poesie di

 

madre Canopi,definita dal giornalista Valerio Giacosa “La poetessa di Dio“;

 

ogni sua poesia, infatti, ispira pensieri di cielo, pieni di eternità.

                           

 

Ogni settimana ve ne proponiamo una con un’immagine che, catturando

 

subito la vostra attenzione, eleva i vostri pensieri a Dio, fautore di tanta

 

bellezza.

 

La bellezza del Creato suscita nel cuore dell’uomo la nostalgia del volto di

 

colui che nelle creature si rivela, ma anche si vela, si mostra e si nasconde,

 

parla e tace, accendendo così in lui la viva fiamma del desiderio.

 

Vi proporremo poi delle poesie che seguono il ritmo dell’anno liturgico :

 

AVVENTO, NATALE,QUARESIMA, PASQUA E TEMPO ORDINARIO.

 

         

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                              

 

 

TRAMONTO ISOLANO

mercoledì 1 febbraio

 

            

 

                                

 

 

 

 

                                                                               

 

NEL MIO DESERTO

mercoledì 8 febbraio

 

 

 

 

 

Nel mio deserto

è cresciuta una palma

in riva a una sorgente,

una palma dalle larghe mani…

Tra le dita della mia palma

- arpa d’oro eretta verso il cielo  -

passa il vento del mattino,

passa il vento della sera;

dolce musica è il suo stormire.

Seduta alla sua ombra

io sono silenzio di preghiera –                

Il mio deserto è tutto in festa

per questa palma

che batte le mani

quando le giunge il vento dell’est,

quando le giunge il vento dell’ovest…

 

Signore,

 

è sempre l’ora della tua Grazia!

 

                                                                             

 

PATIRE LA SERA

mercoledì 15 febbraio

 

 

 

                                

Patire la sera…

E’ dolce patire la sera,

è dolce e struggente

quando il sole scompare

dietro le montagne

 e le ombre

scivolando dai boschi nella valle

avvolgono ogni cosa

in una coltre di silenzio

profumato di muschio

e di abeti.

Risultati immagini per san giulio d'orta tramonto

 

Soltanto qualche pigolio

d’uccelli

e qualche folata di vento

tra le fronde

la fanno sentire più intensa,

più carica di mistero.                                          

E’ dolce patire la sera

del tempo

come una ferita

nel cuore

che avanza

verso l’aurora eterna…